martedì 30 giugno 2015

GIAPPONE : Parte 10 Osaka

2 OTTOBRE

Come d'abitudine da quando siamo qui ci svegliamo(neanche troppo presto) per prendere l'ormai amatissimo Shinkansen direzione Osaka,e in men che non si dica,dopo circa due orette arriviamo in stazione.
Anche questa tappa sara' breve ma intensa!
Intanto perdiamo un'ora per cercare l'hotel,e stavolta la mia memoria fotografica da Google maps mi inganna,perche' qui regna il caos e le vie tutte aggrovigliate mi confondono.Arriviamo davanti alla porta e nessuno ci apre! NOOOOOO Niente,decidiamo di non perdere tempo cosi' torniamo in stazione e proviamo per la prima volta i Coin Lockers,con pochi soldi mettiamo le nostre valigie al sicuro(che essendo Giappone avremmo potuto anche non chiudere gli armadietti e sarebbero rimaste al sicuro lo stesso!) e memorizziamo bene la locazione se no siamo fregati!
Prendiamo la metro e ci fermiamo di fronte all'Osaka -jo il maestoso castello di Osaka.Questo castello ha subìto parecchi attacchi,e' stato raso al suolo e ricostruito piu' volte,e nonostante tutti i restauri lo rendono veramente spettacolare. Dopo una passeggiata nel parco prima di arrivare all'entrata principale notiamo un campo da baseball di una squadra del posto e poi un po' piu' avanti delle belle bancarelle.

Ovviamente devo assolutamente provare questi bombolotti gustosi di carne che nonostante siano a 180° e la temperatura esterna ha un'umidita' dell'80% mi ripagano di tutto il sudore sprecato!

MI SA CHE ANCHE LUI SI E' MANGIATO I BUTAMAN
Facciamo il biglietto ed entriamo,una signorina ci fa mettere in fila per poter prendere l'ascensore,praticamente essendo molto organizzati ci fanno salire all'ultimo piano per poi discendere piano piano tutte le sale.
Partendo dall'alto godiamo del panorama anche se il tempo non e' dei migliori,ma almeno pare tiri un filo d'aria.

Scendendo per le varie scalinate si visita il museo che racconta ed illustra la storia e i clan che hanno conquistato il castello.Molto bella la parte che include le armature usate in guerra.


Infine ci si puo' immedesimare nel guerriero Kabucho(ci semnra di aver sentito questa parola!) e con soli 3 euro un signore molto gentile veste quel pirlozzo di Fra tra le risate fragorose dei turisti,e nel mentre gli spiega(in non so quale lingua) la storia del guerriero.
Armatura ultimata,elmo da combattimento in testa con due cornoni enormi e spada in mano ci si diletta a fotografare il "guerriero"( se i guerrieri sapessero si rivolterebbero nelle tombe!).

Finita la visita ci dirigiamo nella parte Americana di  Osaka,ossia Amerika Mura,una piccola zona di negozi e ristoranti di tendenza.
Notiamo che la maggiorparte dei negozi e' improntato sullo stile hip hop comprese le musiche che aleggiano nell'aria.Qui un po' tutto e' Ammmericano! C'e' un palazzo con bandiera Americana,ci sono vari Mc Donald che tra l'altro offrono serivizio a domicilio(per fortuna dove abito io non esiste o sarebbe la fine),bici e moto stile Venice Beach,negozi di tatuatori ecc ecc e' tutto veramente molto colorato,vale la pena farci un giretto.

Arrivata sera finiamo in bellezza con la visita della zona piu' viva di Osaka:Dotonbori.
Si estende da Dotonbori-gawa e la galleria commerciale di Dotonbori,tra ristoranti,negozi e locali tutti rigorosamente pieni di neon vistosi il che crea una vero e proprio caos di colori.
Tra i vari ristoranti non ho potuto fare a meno di assaggiare i miei tanto amati ravioloni di carne,mentre Fra si e' pappato le Takoyaki,polpette di polpo cosparse di scaglie di pesce. Ma questi sono solo gli antipasti cosi' ci fermiamo in un ristorante che scopriamo avere finestre che guardano sul fuime...e vai di romanticismo! Il risotorante si chiama Bukkuri Donkey ed e' molto particolare,internamente sembra ricreare una giungla e i piatti variano dai soliti tradizionali agli hamburgeroni,lo consiglio per la particolarita' e la zona.





Inoltre lungo il percorso e' possiible scorgere il minuscolo tempio Hozen-ji,mentre sul lato del fiume altri negozi gli fanno da cornice tra suoni,rumori,luci,band locali,tutto molto vivace e bello da vedere e vivere.
Lungo il fiume si puo' notare una grande ruota panoramica,si tratta del tanto famoso Don Quijote che troverete sparsi per tutto il Giappone(infatti li visitero' tutti per la gioia di Fra :D )e si estende su vari piani pieni di miliardi di cose utili e inutili ovviamente!





Purtroppo la mini avventura Osakese e' terminata! Si va a nanna nella nostra casetta/hotel (di cui abbiamo fatto il check in dopo la visita al castello) e per un attimo credo di sentire delle scosse,ma Fra,gentile come sempre,dice che e' la mia labirintite,cosi' mi rilasso e chiudo gli occhi,domani si torna a Tokyo.

Nessun commento:

Posta un commento